Barbera & Pigato

Blog sul restauro di una vigna

Cantina / La vigna / Vendemmia

Vendemmiamo!

E’ arrivato finalmente quel momento che ogni vignaiolo aspetta con grande trepidanza: la vendemmia!

Vendemmia che quest’anno arriva con largo anticipo visto l’annata incredibilmente favorevole: non solo per l’estate secca ma grazie anche a un inverno più rigido dei passati e a una primavera con buone piogge.

Non vi nascondo che mi sarei aspettato qualche grappolo in più sui tralci ma già sapevo che con la potatura di quest’anno avrei avuto poca produzione…spazio alla sanità della pianta e al suo recupero e per ora mettiamo da parte il mio ego di vignaiolo che vorrebbe vedere uva pendente da ogni dove.

Dopo aver assaggiato giornalmente gli acini e aver tenuto sott’occhio il grado zuccherino, il 28 agosto sveglia alle 6.30 per essere in vigna poco dopo assieme a Juna, Piero e Chiara che mi hanno aiutato a raccogliere quattro ceste di Pigato dolcissimo: vi avevo detto che l’uva era poca! Il resto del rossese, barbera e moscato d’Ambrugo è rimasto sulle viti anche perchè ancora in fase di maturazione spinta.

Poi corsa in cantina per una rapida pigiatura e, solo il giorno dopo, una soffice torchiatura a piede.

IMG_20150829_102209

La resa è stata pochissima, nemmeno sufficiente a riempire il Clayver e col morale a terra ho cercato aiuto dal mio guru di cantina Matteo che mi ha rassicurato consigliandomi una cosa che mi ha fin da subito mi ha entusiasmato: “Per quest’anno fai un vino di vigna, raccogli il resto delle uve rosse, vinifica le varietà a parte e poi assemblale nel Clayver; non avrai un vino da invecchiamento ma almeno ti togli lo sfizio di provare un po’ il gress”.

Il concetto di “Vino di Vigna” mi è piaciuto moltissimo: creare un vino che rappresenti in modo completo il Picettu Russu, la vigna incastonata nel bosco,  che sintetizzi in maniera completa, come dicono i francesi, il terroir.

IMG_20150829_102412

Torno a sperare nella buona riuscita di un “rosè”, che sicuramente sarà molto particolare, parafrasando il mitico Gigi Reder (in arte Filini) può piacere e non piacere a me personalmente piace da morire

Vedremo!

Leave A Comment